2002 - 2008 anni

Disegno 1Con l’acquisizione dell’esperienza e lo sviluppo degli algoritmi è stato possibile di creare i programmi di simulazione dei processi di deformazione dei metalli. Con la crescita della popolarità del programma QForm 2D e altri programmi è stato possibile di reclutare per lo sviluppo di programma i team di diversi paesi per riunire gli sforzi per un progetto molto complesso e complicato. Con lo impegno del consorzio internazionale e stato rilasciato il programma QForm 3D (ill. 1). Dal 2002 da parte della Russia la creazione del programma è stata eseguita dalla ditta QuantorForm che adesso è distributore officiale del programma.

Per realizzazione del programma di simulazione 3D era necessario garantire la semplicità dell’utilizzo, la possibilità di preparazione dei dati per il calcolo in tempi brevi, l’esecuzione del calcolo in modo completamente automatico senza necessità d’intervento di utente e ottenere il risultato accurato anche nel caso di assenza di conoscenza specifica nella teoria di simulazione agli elementi finiti dell’utente.

Per realizzare questi propositi sono stati sviluppati ed applicati le soluzioni innovativi. Ecco la principale:

  • QFORM3D riunisce le simulazioni bidimensionale e tridimensionale.
  • L’integrazione le simulazioni bi e tridimensionale in unico programma fornisce la opportunità di simulare in modo efficiente le catene tecnologiche che comprendono diversi passaggi di stampaggio. I processi iniziali che hanno la simmetria assiale possono essere simulati velocemente in ambiente bidimensionale (per esempio ricalcatura, sbozzatura, ecc.). I processi di stampaggio successivo saranno simulati in modo tridimensionale.
  • La struttura del programma utilizzando la programmazione orientata agli oggetti è sviluppata in modo di creare un ambiente dell’utente confortevole e completamente integrato. La preparazione dei dati iniziale viene eseguita con la loro visualizzazione per il controllo e il calcolo viene complimentato con visualizzazione grafica dei risultati.
  • Possibile importazione dei file della geometria di corpi solidi. Possibile importare i file di formati IGES e STEP che permette più alta accuratezza della simulazione rispetto dell’utilizzo dei dati in formato STL. Il programma ha interfaccia diretta con SolidWorks (SolidWorks Corp.) che permette velocizzare il processo di simulazione.

Anno 2008

Disegno 2Nel 2008 esce un nuovo prodotto QForm 5.0 che non è sola altra versione del programma ma un passo di qualità per soddisfare le richieste del mercato ed utenti (Ill.2). Abbiamo ampliato la sfera di applicazione del programma per tutti processi di lavorazione del metallo con pressione conservando i principali vantaggi del programma: semplicità del utilizzo ed affidabilità. Il programma da possibilità di calcolo parallelo con uso fino di 8 processori. Adesso il QForm può simulare tutti processi di laminazione come longitudinali cosi trasversali.

L’estrusione dei profili di alluminio è un processo molto complicato per la simulazione. Ha tante particolarità che lo distinguano da altri processi di stampaggio, prima di tutto sono non linearità della deformazione di metallo e alti valori di trazione durante stampaggio dei profili cavi quando i flussi prima si separano e dopo riuniscono e si saldano.

Tanti anni noi abbiamo lavorato per sviluppo dei metodi di calcolo per la simulazione dell’estrusione. Alla fine abbiamo trovato il modello di calcolo che riunisci i metodi di Langrange e Eulero per descrizione del flusso di metallo.
Ampliati i processi per la simulazione:

  • Laminazione di ruote e anelli
  • Laminazione trasversale
  • Estrusione dei profili
  • Laminazione a vite
  • Impostazione di condizione dei contorni locali
  • Il controllo della rete ad elementi finiti
  • Possibilità di simulazione con 8 processori
  • Il programma funziona su computer che ha fino a 8 processori
Aggiunta opzione di simulazione della formazione di struttura (QForm-MS).
L’opzione QForm-MS è basata sul modello di Sellar che permette di calcolare:
  • Ricristallizzazione dinamica
  • Ricristallizzazione statica
  • La crescita dei grani di materiale